La calda estate di Obiettivo Ippocrate

La calda estate di Obiettivo Ippocrate

Nel corso dell’incontro avvenuto giovedì 14 luglio 2016 in Senato, abbiamo ricevuto importanti informazioni in merito agli ultimi correttivi che dovrebbero essere inseriti nel testo del DDL Gelli. Ci è stato in particolare riferito che la volontà del legislatore è quella di:
– prevedere espressamente l’obbligo di copertura assicurativa da parte dell’Azienda anche per le ipotesi di chiamata in causa dell’esercente la professione sanitaria per responsabilità extracontrattuale, quindi anche in caso di denuncia del singolo medico dovrà essere l’Azienda a farsene completamente carico;
– reintrodurre la giurisdizione della Corte dei Conti in materia di rivalsa amministrativa per colpa grave;
– riferire il massimo della misura della rivalsa al triplo della retribuzione lorda annua posseduta al momento in cui si pone in essere la condotta dannosa;
– rendere obbligatoria una retroattività ed una postuma di 10 anni per le polizze assicurative aziendali;
– vincolare le forme alternative di assicurazione aziendali (auto ritenzione di rischio) a regole che le rendano sovrapponibili, come forma di tutela, alle polizze assicurative propriamente dette.
Purtroppo nessun margine ci è stato invece concesso circa la nostra richiesta di introdurre l’obbligo per l’Azienda di contrarre le polizze assicurative per la colpa grave del proprio personale dipendente.
Ciò significa comunque che, qualora la volontà che ci è stata espressa venisse tradotta in corrispondenti modifiche, il testo portato in discussione in Commissione Igiene e Sanità del Senato prima ed in aula poi, accoglierebbe già in buona parte il contenuto degli emendamenti da noi ritenuti “irrinunciabili”.
Rimarrebbe in ogni caso, per gli altri, la discussione e la votazione emendamento per emendamento.
Attendiamo per la settimana prossima la pubblicazione del testo definitivo su cui faremo le ulteriori valutazioni.
A ciò dobbiamo aggiungere il lavoro che stiamo portando avanti in Regione Veneto, per arrivare ad un bando regionale per una polizza per colpa grave ed assistenza legale, destinata a tutto il personale sanitario dipendente.
Se le dichiarazioni di intenti manifestateci al Senato ed il progetto regionale andassero a buon fine, dovremo prendere atto che tutte le priorità sollevate da Obiettivo Ippocrate avranno avuto soddisfazione.
Siamo tutti coscienti che questi, al momento, sono risultati possibili ma ancora non “portati a casa”, per cui non abbiamo alcuna intenzione di abbassare la guardia né di mollare l’osso che, con tanta caparbietà, stiamo difendendo.
Abbiamo imparato a non sorprenderci più di quello che giorno dopo giorno, come associazione stiamo raggiungendo, ma non vogliamo assolutamente dimenticare quando siamo nati e da dove siamo partiti: neanche il più improbabile dei visionari avrebbe avuto l’ardire di immaginare un tale “viaggio”.
Dobbiamo essere orgogliosi di quanto ottenuto e di quanto ancora arriverà, dobbiamo difendere questo che è l’inizio del nostro viaggio…..si può viaggiare anche tutta la vita di meta in meta.
Avanti tutti insieme!

Massimiliano Zaramella
Avv. Alessia Gonzati

 

P.S.: a ringraziamento vi volevo aggiornare che la campagna di sensibilizzazione ed autofinanziamento con le penne e le magliette di O.I. è partita a gonfie vele….manteniamo vivo il vento!

 
Obiettivo Ippocrate - P.Iva 07143761216
Policy Cookies - Policy Privacy
Copyright © 2021 Tutti i diritti sono riservati
Realizzato da DueClick - Web Agency Torino
Facebook Instagram Twitter Youtube Linkedin